Rassegna: Racconti d’Inverno 2010 - Brescia

(con data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Una rassegna è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare il luogo.
4. Nella data indicare sempre l'anno
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 954
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Rassegna: Racconti d’Inverno 2010 - Brescia

Messaggio da Admin » 09/02/2010, 0:24

Racconti d’Inverno 2010


7 febbraio – 18 aprile 2010

Le domeniche della stagione di teatro ragazzi del Teatro Telaio Storie storie storie sono appena finite e già comincia la rassegna intercomunale Racconti d’Inverno, giunta alla sua ottava edizione.

La piccola rassegna vedrà otto appuntamenti dal 7 febbraio al 18 aprile nei comuni di Castegnato,

Monticelli Brusati, Cologne e quest’anno anche Brescia.
Si comincia domenica 7 febbraio a Cologne presso il Teatro Parrocchiale alle 17.00 con Pangea, spettacolo del Teatro Telaio dedicato ad acqua, aria, terra e fuoco come occasione per scoprire alcune delle più interessanti leggende provenienti da diverse tradizioni culturali. Adatto ad un pubblico dai 3 ai 10 anni.

Si passa poi a sabato 20 febbraio a Brescia, apresso la Circoscrizione Sud in via Livorno 7, con il debutto dell’ultima produzione del Teatro Telaio, dedicata sempre ai bambini dai 3 anni: Le mappe della mia vita. Una lumachina costruisce tante mappe. Cos’è una mappa? E’ un percorso per scoprire un tesoro, cioè ciò che è veramente importante: la propria famiglia, le proprie emozioni. Un modo poetico ed affascinante per parlare ai bambini della scoperta di sé. Doppia replica: alle ore 15.00 ed alle 16.30. Pubblico limitato: è richiesta la prenotazione.

Il terzo appuntamento sarà all’Auditorium Bettinzoli in via Caleppe a Brescia domenica 28 febbraio alle 16.30 con Il brutto anatroccolo del Teatro dell’Acquario, per bambini dai 5 anni.

La celebre fiaba di Andersen viene messa in scena con le tecniche del teatro di figura e con le ombre cinesi.

Domenica 7 marzo, di nuovo all’Auditorium Bettinzoli, ritornerà il Teatro Telaio con Verso la luna. Due topini vorrebbero andare sulla luna, ma come possono fare? Hanno solo una bicicletta, la loro amicizia e tanta fantasia…

Domenica 14 marzo la rassegna si sposta a Monticelli Brusati presso il Teatro della Pieve con Se Pinocchio fosse Cappuccetto Rosso di Nata. Cosa potrebbe succedere al Lupo, se invece di mangiarsi la tenera bambina si trovasse sotto i denti il legnoso burattino?

Di nuovo a Monticelli presso il Teatro della Pieve domenica 28 marzo il Teatro del Canguro presenta Cielomaresoleluna: la poesia della natura e dell’attesa che porta cambiamenti inaspettati raccontata ai bambini a partire dai 3 anni.

Domenica 11 aprile a Castegnato presso il Centro Civico la compagnia Ruinart presenta Vladimir, una favola per raccontare ai bambini cosa significa vivere ai margini.

Infine Domenica 18 aprile, di nuovo a Castegnato presso il Centro Civico, la compagnia Bambabambin presenta Arlecchinate, spettacolo di burattini che mette in scena alcuni canovacci della commedia dell’arte.

Tutti gli spettacoli, a parte quello di Cologne e la prima replica de Le mappe della mia vita, sono alle ore 16.30. Ingresso unico Euro 3,00.

Maggiori informazioni su http://www.teatrotelaio.it oppure allo 03046535

Domenica 7 febbraio ore 17.00
Pangea
Teatro Telaio – Da 3 anni
Cologne – Cinema Teatro Parrocchiale

Una donna, la terra, racconta. Racconta di come all'inizio di tutto non ci fosse che acqua, e di come un giorno da quell'acqua uscì un uovo d'oro e da quell'uovo il primo uomo. Poi tutto cambia, dall'acqua si passa alla terra, alla terra gelata della grande Russia. Qui vive Martina con due

sorellastre, che, gelose di lei, convincono il padre a darla in sposa a Gelo. Ma Gelo si lascerà conquistare da Martina e la coprirà di gioielli. La terra si trasforma in aria e si apprende di Nakati, il figlio del vento, che quando viene chiamato per nome si arrabbia tanto da far crollare tutte le capanne africane. Infine il vento diviene fuoco, il fuoco della fucina di Ilmarinen, che forgia le armi necessarie a Vainamoinen per recuperare il sole e la luna trafugati dalla perfida strega del Nord, padrona Lohui.

Sabato 20 febbraio ore 15.00 e 16.30 posti limitati, solo su prenotazione
Le mappe della mia vita
(debutto)
Teatro Telaio - Da 3 anni
Brescia – Circoscrizione Sud, Via Livorno 7

Un’attrice sola in scena. Non parla, comunica attraverso gesti ed oggetti e con essi costruisce tante mappe. Cos’è una mappa? E’ un disegno che ci fa trovare alcune cose che abbiamo perduto o nascosto o che non sapevamo nemmeno di avere. Ogni mappa è un percorso, una storia da raccontare, un campo da arare per far germogliare piante, emozioni, sentimenti. Dentro ognuno di noi si nasconde un tesoro, dobbiamo imparare a disegnarne la mappa per poterlo scoprire insieme. Dov’è il centro del mio corpo? In mezzo agli occhi, nelle gambe, nella pancia… Serve una mappa per capirmi, un’altra per trovarmi, una per raccontarmi… Una mappa dei miei luoghi segreti, una dei miei amici, una dei miei affetti, una dei miei difetti: io sono tutto questo ed anche di più. Una nuova disciplina: la geografia dei sentimenti.

Domenica 28 febbraio ore 16,30
Il brutto anatroccolo
Teatro dell’Acquario – Da 5 anni
Brescia – Auditorium Media Bettinzoli

Lo spettacolo teatrale mette in scena la famosissima favola di Andersen, rispecchiandone la struttura del racconto, ma mettendo particolarmente in evidenza i problemi che ogni individuo incontra nel difficile percorso alla ricerca della propria identità e nell’affermazione di sé stesso. Gli animali da cortile hanno una visione ristretta della vita, mediocre e circoscritta alle loro piccole miserie “umane” e disprezzano tutto ciò che non conoscono, mentre gli uccelli migratori sanno volare alto e conoscono il mondo, altre lingue ed altri climi. Con le tecniche del teatro di figura e delle ombre ci si immerge in una atmosfera onirica, coadiuvata dalle musiche e dai canti originali, eseguiti dal vivo.

Domenica 7 marzo ore 16,30
Verso la luna
Teatro Telaio – Da 4 anni
Brescia – Auditorium Media Bettinzoli

La storia, tenera e divertente, di due topini stanchi di vivere sulla terra: ci sono sempre le stesse cose, gli stessi cibi…I due vedono la luna. E per la prima volta si accorgono di quanto è bella. Chissà che giochi, che divertimento, fra tutti quei buchi! Meglio andare sulla luna, che splende brillante e paffuta! Come fare? Correre a costruire una scala lunga lunga per poter arrivare fin lassù…?

Forse è meglio prendere la bicicletta, perché la luna è lontana, ma se ci credi davvero può anche finire che ci arrivi anche in bicicletta…

I due attori in scena si cimentano nell'ardua impresa di conquistare la luna in quanto topi...ma poi decidono di farlo senza costume da topi, senza naso e addirittura senza luna! Ma con la bicicletta sì! Tra tentativi disparati e disperati riusciranno ad arrivare fin lassù attraversando lo spazio per poi scoprire che... cos’è quella palla azzurra e verde sospesa nel cielo, laggiù?

Domenica 14 marzo ore 16,30
Se Pinocchio fosse Cappuccetto Rosso
Nata – Da 4 anni
Brescia – Auditorium Media Bettinzoli

Nella casa delle fiabe, dove le storie si incrociano e si mescolano, Pinocchio e Cappuccetto Rosso decidono di fare un gioco nuovo: il burattino più famoso del mondo si travestirà con un mantello ed un cappuccio rosso ed entrerà dentro alla favola della sua amica, diventandone il protagonista.

Il divertimento starà nell’ingannare quello sbruffone del Lupo e dargli una bella lezione…

Il Lupo troverà allora pane per i suoi denti, perché nemmeno un Lupo, può avere zanne tanto forti da masticare un burattino…

Un susseguirsi di gag e di momenti sognanti condurranno lo spettatore verso l’epilogo di una storia semplice e delicata, pensata per un pubblico di tutte le età, raccontata come un sogno e divertente come un gioco.

Domenica 28 marzo ore 16,30
Cielomaresoleluna
Teatro del Canguro – Da 3 anni
Monticelli Brusati – Teatro della Pieve

Il mare, il cielo, la luna all’orizzonte: due sagome immobili che, impugnando una canna da pesca, semplicemente…aspettano. Le due pescatrici non sanno che cosa potranno pescare, eppure fiduciose aspettano. Forse i pesci sanno parlare, siamo noi che non sappiamo ascoltarli, forse quella nave laggiù al largo accende di mille luci il suo “gran pavese” perché qualcuno ha voglia di ballare… e di notte le stelle e la luna che cosa si diranno prima di riposare in attesa del sole che sempre, il giorno dopo, arriva? Forse potremo vedere anche il vermicello che nell’amo cerca di attrarre l’ignaro pesciolino… anche un verme dovrebbe essere ascoltato e compreso!

E il silenzio…e le pescatrici: che cosa aspettano? Davvero sono interessate ai pesci che potrebbero abboccare o semplicemente hanno a cuore quel mare e quel cielo? Alla fine, anche se neppure un pesce finirà preso all’amo, nessuno avrà atteso invano: dando tempo al tempo si possono conoscere e imparare tante cose nuove, giocare e sperare nella prossima occasione.

Domenica 11 aprile ore 16,30
Vladimir
Compagnia Ruinart - Da 4 anni, pubblico misto
Castegnato – Centro Civico

Vladimir é un barbone e vive ai margini della società. La spazzina Candeggina é segretamente innamorata di lui. Lucilla, una fata che ha preso le sembianze di una lucciola, decide di rendere possibile il loro amore; convince così Vladimir ad entrare in una vecchia macelleria abbandonata, con la promessa che lì troverà ciò che gli manca. Da questo momento inizia la sua straordinaria avventura: l'incontro con la bellissima farfalla Palombella, che alla fine della storia si scoprirà essere Candeggina, trasformata in farfalla per entrare nella favola; l'incontro-scontro con il Sarchiapone; l'amicizia con il draghetto Piumino, il quale rivela a Vladimir il segreto della montagna dei rifiutati, dove potrà rifugiarsi con la sua amata Palombella; e infine il tragico scontro con il ragno Fumicone, che costerà la vita a Vladimir. Ma anche Vladimir, come tutte le cose del mondo, può vivere due volte. La prima sulla terra, la seconda nel mondo delle favole...

Domenica 18 aprile ore 16,30
Arlecchinate
Compagnia Bambabambin - Da 3 anni
Castegnato – Centro Civico

Un repertorio di farse brevi, provenienti dalla tradizione italiana che vedono come protagonista Arlecchino, accompagnato dagli amici della commedia dell’arte. Lo spettacolo, giocato sui meccanismi più antichi del teatro dei burattini, è adattato al gusto contemporaneo. L’accompagnamento di musiche tradizionali suonate dal vivo rende lo spettacolo dinamico e gli conferisce un carattere allegro e festoso.

Rispondi