Laboratorio di drammaturgia, L'Alboreto, Rimini

(con data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio, indicando Titolo, Chi tiene il corso, Data, Luogo.
2. Indicare il luogo nel titolo.
3. Nella data indicare sempre l'anno
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 954
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Laboratorio di drammaturgia, L'Alboreto, Rimini

Messaggio da Admin » 21/02/2012, 21:35

dal 19 al 22 aprile – prima parte
dal 17 al 20 maggio – seconda parte

Santa pazienza

aspettare sentire dire: incontri di scrittura verbale
laboratorio di drammaturgia condotto da Paola Vannoni e Roberto Scappin (Quotidiana.com)
Negli stessi periodi del laboratorio di drammaturgia, la compagnia è in residenza creativa per la produzione del nuovo spettacolo.
Al termine del laboratorio e della residenza creativa è prevista una prova aperta al pubblico.
a cura di L’arboreto - Teatro Dimora, Santarcangelo dei Teatri

Il titolo che abbiamo dato a questi incontri ha il preciso intento di rendere esplicita la modalità della nostra ricerca che si sviluppa da un assunto di base: essere interpreti di un teatro contemporaneo implica necessariamente l'esserne autori, nell'atto di offrire una lettura critica del reale e nella propensione al suo superamento.
Lavoreremo sulla creazione di una drammaturgia che prende forma e viene elaborata in scena, e solo successivamente delimitata nella scrittura.
Crediamo sia erroneo pensare che l'opera drammaturgica sia destinata all'esercizio di pochi. Ogni persona di media cultura dotata di spirito critico, con una discreta propensione alla conflittualità e all'autoironia può, a nostro avviso, rendere estremamente credibile il proprio agire scenico. Se il foglio bianco può rappresentare un impedimento, la scena spoglia si presta invece ad accogliere con meno severità i pronunciamenti scomposti della mente.
La premessa sarà quella di porsi in una condizione di assoluta libertà, che è autonomia nel porre domande e dare risposte, con l'unica condizione che è quella del rifiuto della recitazione in tutte le sue declinazioni, così che la parola sia solo nominata e l'emozione affidata unicamente al senso della relazione tra chi agisce e chi partecipa, tra il performer e lo spettatore.
Ci porremo nello spazio vuoto, aspettando che il silenzio sia esausto, disponibili a essere parte di quella sospensione del tempo che infine concede di poter discettare a proposito o a sproposito di qualsiasi tema. In questa dimensione dilatata e immobile, il pensiero riacquista dinamicità, esplora traiettorie impreviste combinando comico e tragico, assurdo e atrocemente vero, confondendo reale e irreale, possibile e impossibile, finito e infinito. Non ci porremo un obiettivo in termini di risultato, non dovremo affrettarci per tirare le fila, con la consapevolezza che il tempo è solo nostro e nessuno ce ne chiederà conto. Ma non si esclude di arrivare a condividere con una platea di osservatori il materiale prodotto. La scelta di suddividere gli incontri in due momenti va proprio nella direzione di prendersi un tempo anche individuale per l'elaborazione della drammaturgia.
Roberto Scappin e Paola Vannoni

Quotidiana.com - associazione culturale, si costituisce a Rimini nel 2003.
Fondata da Roberto Scappin e Paola Vannoni, contrari e opposti che incarnano entrambi le due logiche, le due diverse visioni della realtà: una ricerca le sfumature, la mediazione; l'altra, manichea, disdegna i compromessi.
L'identità politica del loro teatro è la costante in una ricerca estetica e di linguaggio che procede nell'essenzialità, mai nel rifiuto, della parola.
Un teatro che vuole amplificare lo sgomento di questo nostro esistere, affrontare le cose da un punto di vista scomodo, a partire da ciò che non è considerato corretto nemmeno pensare.
Con la "Trilogia dell'inesistente", avviata nel 2008 con Tragedia tutta esteriore, la compagnia ha compiuto una scelta radicale che le ha permesso un confronto a livello nazionale. L'ultimo episodio della Trilogia, Grattati e vinci, ha debuttato nel mese di ottobre al festival Vie di Modena.
www.quotidianacom.it

Giorni di lavoro: 8 suddivisi in due parti: 4gg dal 19 al 22 aprile
4gg dal 17 al 20 maggio

Modalità di selezione:
Il numero massimo di partecipanti è fissato a 10.
Il laboratorio è aperto a tutte le persone che abbiano preferibilmente già intrapreso un percorso nella scena contemporanea.

Il gruppo verrà selezionato sulla base della seguente documentazione:
una scheda di presentazione (massimo 500 caratteri) e un’elaborazione sintetica delle seguenti richieste:

1) il tuo manifesto poetico
2) il tuo scottante pamphlet
3) in scena ti senti protagonista o medium? Perché?
4) hai un'opinione su tutto o solo molti dubbi?

Ogni candidato dovrà inviare i materiali via mail a teatrodimora@arboreto.org entro e non oltre venerdì 23 marzo.
L’esito della selezione verrà comunicata ai candidati il giorno venerdì 30 marzo.

Per informazioni specifiche, quote d’iscrizione e modalità di partecipazione ai laboratori
inviare una mail a:
teatrodimora@arboreto.org
tel. 0541.25777; tel. mobile 333.3474242; 331.9191041

Rispondi