Corpo da maschera, clown nouveau, 24-27/2/2011,Napoli

(con data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio, indicando Titolo, Chi tiene il corso, Data, Luogo.
2. Indicare il luogo nel titolo.
3. Nella data indicare sempre l'anno
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 938
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Corpo da maschera, clown nouveau, 24-27/2/2011,Napoli

Messaggio da Admin » 03/02/2011, 21:59

24 - 27 FEBBRAIO 2011
residenziale - alloggio gratuito
@ArtGarage Pozzuoli - NA

un Corpo da Maschera
laboratorio di CLOWN NOUVEAU
a cura di Daniele Pettinau

II SESSIONE
Info e Modalità
Leggi in basso il
programma delle
altre sessioni
I sessione
III sessione
Ogni sessione è
compiuta ed autonoma e potrà
essere frequentata
indipendentemente dalle altre.



negli stessi giorni i partecipanti avranno l'ingresso gratuito al progetto Alto Fragile, 4 spettacoli in divenire. INFO altofragile.eu
Imparare a utilizzare una maschera significa fondersi completamente con essa, respirare con essa camminare con essa, avere il suo medesimo corpo e persino avere il suo stesso battito cardiaco, solo a queste condizioni quell'oggetto apparentemente inanimato prenderà vita guidando l'attore in percorsi di improvvisazione sorprendenti. Il lavoro sul clown arricchirà la ricerca su questa capacità di creare una drammaturgia all'improvviso , egli alberga in ognuno di noi, è allo stesso tempo la parte più innocente e quella più saggia. Per fare ciò occorre una preparazione fisica e tecnica all'improvvisazione, cosicché la maschera avrà molte più possibilità di stare in scena.
Immancabile Il naso rosso da Clown, è una maschera anch'esso, qualcuno diceva che è la maschera più piccola, quella che meno copre ma che più rivela.

II sessione
a cura di Daniele Pettinau

Principi di acrobatica e combattimento scenico
La Capoeira, lotta danzata di origine africana ma sviluppatasi in Brasile, possiede in tutto e per tutto le dinamiche di un improvvisazione teatrale di coppia, basti pensare che essa avviene in un cerchio dove le persone assistono a tutto tondo a un susseguirsi di movimenti ora marziali ora acrobatici, caratterizzati da un incredibile controllo del corpo sfruttando movimenti a stretto contatto con il suolo, tra due Giocatori che improvvisano una lotta con una complicità atta alla buona riuscita della danza. Verranno dunque affrontati i primi passi di un gioco, le sue regole, e quindi una vera e propria Roda de Capoeira .
La clownerie acrobatica o la phisical comedy possiedono un repertorio vastissimo di movimenti che se appresi e tecnicamente curati e studiati possono portare al montaggio di esilaranti lazzi acrobatici. Saranno trattati i principi fondamentali di questi movimenti e una volta appresi si passerà al montaggio di combattimenti assurdi pane quotidiano di commedie e farse.
Il clown lo specchio dello specchio, la verità
Il mondo é rotondo dietro una sfera rossa, è tutto nuovo come se non l'avessi mai visto e tutto torna perfettamente, all'apparenza, ma ad un tratto qualcosa non va,......che fare? il terrore mi si dipinge sul volto, sono fritto! Ecco la nascita del clown.
L'entrata clownesca porta tutti quanti ad affacciarsi per un attimo a quel nostro lato infantile,che non conosce assolutamente niente ed è pronto vispo e reattivo a tutti gli stimoli dell'ambiente.
Sono numerosi gli esercizi che ci porteranno a scoprire questo lato che talvolta si fa attendere ma che una volta acceso, fa di noi dei geni della ribalta.
Torna su


I sessione
a cura di Antonio Ordóñez Bergareche

L ' “IO CORPO” nello spazio.
Rendersi conto di essere degli strumenti capaci di scandire un ritmo con il proprio movimento, capaci di proiettare un immagine ora e di annullarla in un istante, responsabili del potere dell'ascolto e della riproduzione all'infinito della stessa emozione, questi fra tanti sono gli scopi degli esercizi che pongono Lo studio dell intensità dell'energia che produce il nostro corpo in relazione all'ambiente circostante, per conquistare il potere di creare un climax di tensioni le quali se invertite tra 2 o più personaggi creano i tipici contrasti della commedia.
Corpo e sua mutazione, la mostruosità e l'opera d'arte vivente.
Dare a se stessi la possibilità di affondare nel proprio lato oscuro, cullarsi nel male che avvolge tutti noi senza nessuna distinzione, ripescare antichi dolori, sofferenze, mostruosità. L'esercizio appartiene a quella gamma di espedienti che hanno un unico filo conduttore, quello dell'ascolto e della traduzione simultanea di qualsiasi segnale da esso arrivi. Assecondando le immagini che partono dal nostro inconscio, liberiamo una creatura dal profondo del nostro io, il corpo segue per filo e per segno tutta la fisionomia di questa immagine sino all'eccesso, sino al suono.
Parte integrante dell'esperienza sarà procedere, sempre mediante l'ascolto, all'elemento contrario, si darà la possibilità all'essere umano di redimersi di emergere in tutto il proprio splendore angelico sino al respiro celestiale della sua pura anima.
Torna su

III sessione
a cura di Daniele Pettinau

La Maschera
E' possibile affidare ad un oggetto inanimato tutta la nostra presenza scenica, e fare si che quell'ascolto sviluppato negli esercizi precedenti diventi una fede cieca verso questo nuovo aspetto che ha assunto il mio volto? E' così per forza o la maschera non vivrà, e noi non potremmo essere portatori di questa verità. A piccoli passi, apprenderemo un segreto antico come l'uomo e la caccia, e il desiderio di spingersi oltre la propria dimensione approdando al sacro, al profano e alla magia di un oggetto che palesemente una volta indossato ci apre un universo di possibilità da rendere alla scena.
L'insieme
L'ascolto per se stessi diventa ascolto per il gruppo ,in questa sessione si studierà e si approfondirà, il concetto di gruppo, di cooperazione scenica e il metodo con il quale questo è possibile. La classe sarà suddivisa in piccoli gruppi max di 5 minimo di 3 i quali lavoreranno alla composizione di piccole pièce teatrali utilizzando tutte le competenze apprese durante il laboratorio.
Torna su

DANIELE PETTINAU è attore, mimo, clown acrobata e musicista; ha collaborato con il teatro lirico di Cagliari, con il Teatro Stabile della Sardegna e MediAetas (Napoli) per gli spettacoli di Orlando Forioso. E' attualmente un'artista di nuovo circo e fonda, con Edoardo Demontis (Dodo) e Antonio Iavarone, il gruppo dei TERZULTIMI gruppo di sperimentazione sul Clown Nouveau.
Approfondisce la figura del clown con maestri importanti come: Family floez, Jango Edwards, Jhonny Mellville, Carlo Colombaioni e Alex Navarro. Scopre e studia le tecniche di utilizzo della maschera teatrale grazie a Fabio Mangolini che è stato Insegnante presso Ecole International de Mimodramme de Paris Marcel Marceau, e attualmente interprete delle maschere dei Sartori.

INFO E ISCRIZIONI
Per chi non possiede alloggio a Napoli, è prevista l'ospitalità gratuita presso case studenti, amici, sostenitori.
il laboratorio è aperto ad un numero massimo di 12 partecipanti.
Il laboratorio si rivolge sia a chi abbia già maturato esperienze in campo artistico, sia a coloro che non hanno alcuna esperienza, ma sono spinti da una forte motivazione alla ricerca e all'impegno - non importano l'età, la lingua e la provenienza geografica, non esistono limiti al desiderio di partecipazione.
Conduttori: Daniele Pettinau
MODALITA'
Inviare tramite mail (specificando in oggetto: LAB C)
selezioni@laboratoriospettacolo.it
una esplicita richiesta di partecipazione contenente
informazioni anagrafiche e un recapito telefonico.
Info: (+39) 320 0304861
Luogo: Napoli @Art Garage
Durata: 4 gg
Costo: 120 Euro
alloggio gratuito

Rispondi