Omero Odissea, canto per oggetti e voce

(senza data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Un catalogo è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare lo spettacolo e la compagnia.
4. Per i cataloghi, nel titolo, indicare l'anno.
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 937
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Omero Odissea, canto per oggetti e voce

Messaggio da Admin » 15/07/2012, 11:34

OMERO ODISSEA - CANTO PER OGGETTI E VOCE

Figure e macchine / ANTONIO PANZUTO
Voce recitante / GIANCARLO PREVIATI
Suoni e Regia / ALESSANDRO TOGNON

L'Odissea è il poema del viaggio e della nostalgia. E' la storia di Ulisse, eroe astuto e valoroso, ma enormemente infelice, perchè, desideroso di ritornare in patria, è spinto continuamente lontano dall'odio di un Dio. E' costretto ad affrontare avventure affascinanti e pericoli terribili: dai mangiatori di loto, la pianta che fa dimenticare il ritorno, al Ciclope mostruoso, crudele e beffardo, dalla maga Circe, bellissima, che trasforma in porci i compagni di Ulisse, al canto delle Sirene, dal vento di Eolo a Scilla e Cariddi. Omero è inimitabile narratore, pacato e maestoso e dimostra ovunque le sue capacità drammatiche e la virtù trasfigurante della sua poesia, capace di creare, tra continue metafore e similitudini, un mondo fiabesco, irreale, onirico. Come è immediato essere catturati dal racconto, così questa versione dell'Odissea, canto per oggetti e voce, vuole trascinare con sè chi guarda, attraverso la continua trasformazione della scena. Sculture plastiche in movimento, e figure, macchine sceniche sofisticate, giocattoli tradizionali, come il Lego e il Meccano, oggetti d'uso quotidiano, ispirati all'iconografia greca, vengono utilizzati per accompagnare il racconto, narrato da una voce quieta che enfatizza i passaggi emotivi, ma che, come un canto fluisce, tranquilla come un sogno. La scena è come il mare che segue e si oppone sempre ad Ulisse, si apre e si chiude, si trasforma per la lotta e si modifica per il viaggio. Così alla parola si oppone il gesto silenzioso, al racconto la forza espressiva degli oggetti, ai silenzi i delicati colori della luce. Parole e immagini si aiutano e si fondono assieme senza mai illustrarsi a vicenda, si seguono e si suggeriscono, correndo su binari espressivi differenti ma paralleli, spinte dal vento della poesia.

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=Ob2O1kLt ... r_embedded

Antonio Panzuto
via Ancona 9 - 35134 Padova Italy
Telefono (Studio) (+39) 049 773 111 - Fax (+39) 049 875 2456
Commenti, suggerimenti, contatti: info@antoniopanzuto.it

T.O.C. - Fabio Ridolfi
Cellulare: 347 655 6118 - Telefono (+39) 02 382 383 04 - Fax (+39) 02 700 538 617
Email: fabio@toc-teatro.it - Web: http://www.toc-teatro.it

Rispondi