Il Vecchio e il Mare, Teatri Abitati

(senza data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Un catalogo è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare lo spettacolo e la compagnia.
4. Per i cataloghi, nel titolo, indicare l'anno.
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 938
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Il Vecchio e il Mare, Teatri Abitati

Messaggio da Admin » 14/07/2011, 12:06

(tour Nord Italia fine ottobre 2011 - marzo 21012)

Il Vecchio e il Mare

Tratto da 'Il vecchio e il mare' di E. Hemingway

PREMIO EOLO AWARDS 2011

AL MIGLIOR SPETTACOLO DI TEATRO RAGAZZI E GIOVANI
'Ispirandosi al famoso capolavoro di Ernest Hemingway lo spettacolo si configura come una grande sinfonia visiva ed emozionale che usa ogni mezzo che il teatro possiede: la musica (Verdi, Puccini, Dvorak), la luce, che reinventa il mare in tutta la sua complessità, gli elementi scenici, con quell'intersecarsi di corde, di fili abbaglianti e di vele, la pittura che costruisce il grande pesce, e le immagini in movimento, che danno spessore ai sogni sulla tolda. Tutti insieme questi elementi si abbracciano nella cattura dell'agognata preda, pensata come epopea del quotidiano rapporto tra il mondo umano e la natura, grande rito sacro che si rinnova ogni giorno e nel quale ogni giorno l’uomo diventa sempre più forte, pur sempre consapevole di avvicinarsi al suo inevitabile destino. Il tutto filtrato dall'occhio limpido ed ancora incerto dell'adolescenza.'

Produzione Teatri Abitati – Teatro Comunale di Ruvo di Puglia
In coproduzione con il Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria
In collaborazione con la Compagnia La luna nel pozzo

con: Bruno Soriato, Robert McNeer, Salvatore Marci
regia, scene e luci: Michelangelo Campanale
drammaturgia: Katia Scarimbolo
assistente alla regia e costumi: Maria Pascale
video: Raffaella Rivi
ricerca scenografica e oggetti di scena: Paolo Baroni
macchinista di scena: Tea Primiterra, Maria Pascale
consulenza musicale: Tommaso Scarimbolo
consulenza fonica: Luca Ravaioli
tecnici : Sebastiano Cascione , Carlo Quartararo, Vito Stefano Bramante
logistica e amministrazione: Isa Pellegrini


In una lettera del 7 febbraio del 1939 al direttore letterario della sua casa editrice, Hemingway scriveva di essere molto stimolato dalla storia di un vecchio pescatore dell’Havana che, dopo una lotta terribile di tre giorni, aveva catturato un pescespada enorme, gigante. Dirigendosi verso terra, però, i pescecani avevano divorato a poco a poco tutto il pesce. Era ritornato a terra soltanto con la testa e la lisca.
Nasceva così “Il vecchio e il mare”, romanzo che nel 1954 ottenne il Premio Nobel per la letteratura, “epilogo a tutto quello che aveva imparato o aveva cercato di imparare mentre scriveva e cercava di vivere” (F. Pivano).
Scrivere e cercar di vivere, e attraverso una storia semplice mettere in luce le eterne questioni dell’uomo. La vita scrive le storie e l’arte ci regala la possibilità di fare esperienze che nella vita normalmente non faremmo. Abitare questa possibilità è il legame/confine tra l’arte e la vita.
Passaggi.
E allora, sulla scena tre personaggi, tre vissuti, tre età: Hemingway lo “scrittore avventuriero” e “le sue creature”, Santiago il vecchio pescatore e Manolin il ragazzo.
Hemingway è l’adulto nel pieno del suo vigore, stimolato e messo in crisi da una storia semplice ed emblematica allo stesso tempo, con i suoi protagonisti guardati con rispetto, amore e pietà perché compagni e testimoni in un rito di passaggio. Santiago lotta nel mare, tra le corde, il sudore, la fatica, il dolore delle mani e della sconfitta e fa un salto spirituale nell’ultimo passaggio della sua esistenza; Manolin nell’attesa si scopre importante per il vecchio e grazie all’esperienza del suo maestro si prepara a diventare uomo.
Chi porta chi? Sono io che porto te o sei tu che porti me?
Come in una importante partita di baseball, Hemingway fa rimbalzare la palla tra sé e i suoi personaggi, tra il vecchio e il ragazzo, tra il vecchio e il pesce, tra il mondo umano e la natura, che è sempre lì, a ricordarci che facciamo parte di un unico grande gioco, un unico grande rito, nel quale l’uomo non trionfa mai del tutto, ma che ci porta sempre … oltre.

La scenografia e le luci si fanno elemento drammaturgico, creando uno spazio attraversato da linee, da corde tese, che evocano la tensione costante del testo, e che regalano allo spettacolo un taglio cinematografico.

… ai nostri vecchi e ai nostri mari

http://www.teatriabitati.it/

Rispondi