Il malato immaginario, Stivalaccio Teatro, Schio (Vicenza), aprile 2018

(con data)

Moderatore: Claudio

Regole del forum
1. Postare un solo evento per messaggio.
2. Una rassegna è considerata come un singolo evento.
3. Nel titolo indicare il luogo.
4. Nella data indicare sempre l'anno
Rispondi
Admin
Amministratore
Messaggi: 908
Iscritto il: 08/01/2010, 16:02

Il malato immaginario, Stivalaccio Teatro, Schio (Vicenza), aprile 2018

Messaggio da Admin » 07/03/2018, 15:08

sab 28 Aprile 2018 ore 23:00
Schio Grande Teatro Schio

Stivalaccio Teatro
IL MALATO IMMAGINARIO
L'ultimo viaggio
soggetto originale e regia Marco Zoppello
con (in ordine alfabetico) Sara Allevi, Anna De Franceschi, Michele Mori, Stefano Rota, Marco Zoppello
scenografia di Alberto Nonnato
costumi di Laura Salvagnin
disegno luci di Paolo Pollo Rodighiero
maschere di Roberto Maria Macchi

produzione: StivalaccioTeatro / Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale
Realizzato con il sostegno di 70° Ciclo di Spettacoli Classici - debutto Teatro Olimpico di Vicenza – 27 e 28 settembre 2017

assistente alla regia Giulio Canestrelli / realizzazione costumi Antonia Munaretti / realizzazione parrucche laboratorio “Carlotta” - Venezia / calzature Aldo Biasibetti / datore luci Matteo Pozzobon / responsabile di produzione Federico Corona / amministrazione Marta Broccardo / foto di Serena Pea / progetto grafico Caterina Zoppini

Realizzato con il sostegno di 70° Ciclo di Spettacoli Classici - debutto Teatro Olimpico di Vicenza – 27 e 28 settembre 2017

La terza avventura della trilogia della Compagnia dello Stivale è Il Malato Immaginario, ma siete davanti a un lavoro di Zoppello per cui non immaginatevi la narrazione della celebre farsa. “Questo è un inno alla vita, alla risata e alla bellezza, cantato dai saltimbanchi, condito di una farsa feroce, intrisa di amore per il pubblico. I testi diventano, nuovamente, pre-testi, condizioni di partenza per spiccare il salto nell’universo molieriano, giocandoci, improvvisandolo, cantandolo, mimandolo nel gioco più totale del teatro, che deve essere vivo, estemporaneo e tangibile quanto la Commedia, specchio incrinato dell’umano. Vivo è il teatro, dunque, quando viva è la Commedia.” Le parole di Marco Zoppello sono quanto di meglio per descrivere il lavoro che la Compagnia sta portando avanti in questi anni.

Rispondi